Tirana Capitale d’Albania

Tirana Capitale d’Albania

blog area

07/02/2019 Release by livingalbania.it

In Sintesi

Tirana, il cuore e la capitale dell’Albania, come tutte le altre metropoli europee, ha un movimento e un’energia senza fine.

La notizia


Tirana, una città con movimento ed energia senza fine

Tirana, il cuore e la capitale dell’Albania, come tutte le altre metropoli europee, ha un movimento e un’energia senza fine. Con i suoi club, bar, caffè e taverne, vale la pena scoprire Tirana sia di giorno che di notte. L’ospitalità mostrata verso i turisti è qualcosa che segnerà il tuo viaggio non solo a Tirana, ma anche in tutto il paese.

Ci sono diversi pensieri riguardo l’origine del nome della città. Alcuni pensano che si riferisca a Tyrrenia (un nome di origini etrusche), mentre altri ritengono che si riferisca alla parola Theranda (raccolto), o al Tirkan (un castello ai piedi del monte Dajti).

Storia

Fondata ufficialmente nel 1614, è stata dichiarata la capitale dell'Albania nel 1920 dall'Assemblea Costituzionale Albanese. Un primo nucleo abitativo nella zona di Tirana risale al periodo romano; lo provano i resti di una villa romana dentro le quali è stato scoperto il mosaico di Tirana.
Del periodo bizantino si possono invece vedere alcuni resti archeologici in diversi siti, tra cui la Fortezza di Giustiniano e il Castello del Palazzo dei Pionieri (Pallati i pioniereve), oggi residenza della famiglia Zog, regnante sull'Albania dal 1924 al 1939.
Occupata nel XV secolo dall'Impero turco-ottomano, nella prima registrazione ottomana nel 1431-1432 aveva solo 2028 case e 7300 abitanti: era un piccolo paese senza importanza strategica sorto sulle rovine romane e bizantine distrutte durante le varie invasioni barbare e slave.
La fondazione del nuovo centro è del 1614, sotto la dominazione turca con Sulejman Bargjini; un albanese musulmano che ridiede importanza a Tirana ricostruendola e ingrandendola e dando uno stile orientale alla città, costruendovi moschee, minareti, bazar, bagni e saune turchi, madrase. Tirana divenne un centro culturale e religioso (specialmente per l'islam i bektasci e le pratiche sufiste), e inoltre grazie ai commerci divenne un importante centro di artigianato che esportava soprattutto tabacco e olio d'oliva, e la sua popolazione aumentò nei successivi due secoli. Nel 1820 fu eretto l'edificio distintivo della città, la Torre dell’Orologio. Dopo la liberazione della dominazione turca (1912) crebbe ancora di importanza per la sua centralità e la disponibilità di grandi spazi per gli edifici pubblici. La città venne scelta come capitale temporanea dell'Albania (una scelta di compromesso tra il nord e il sud del paese), dal governo albanese provvisorio stabilito nel Congresso di Lushnjë del gennaio 1920. Divenne capitale dell'Albania quando il potere centrale si rese conto che era più facile controllare il paese dal centro invece che dalla città di Durazzo, situata sulla costa e quindi molto più vulnerabile.Nel 1921 venne fondata dalla Croce Rossa americana l'American Vocational School.
La popolazione della città, stimata a soli 12.000 abitanti nel 1910, salì a 30.000 nel censimento del 1930 e a 60.000 nel 1945, nonostante l'occupazione straniera e la guerra. Durante la seconda guerra mondiale, dopo l'occupazione dell'Albania da parte prima delle truppe italiane e poi tedesche, Tirana divenne il fulcro della resistenza. Appena due anni dopo la liberazione del paese da parte delle potenze dell'Asse nel 1944, il paese fu dichiarato repubblica popolare socialista. Nel novembre 1944 vi si insediò il governo comunista di Enver Hoxha. Da quel momento in poi, gran parte dello sviluppo della città è legato all'influenza dell'Unione Sovietica prima e della Cina dopo, fino al crollo dello stato comunista nel 1991. Durante gli anni cinquanta Tirana sperimentò un periodo di rapida crescita di urbanizzazione industriale, che portò gli abitanti a 137.000 nel 1960. Alla fine degli anni novanta Tirana ebbe la sua crescita più rapida, quando molti albanesi dal nord e dal sud si spostarono nella capitale per cercare una vita migliore.

Attrazioni a Tirana

Il tuo viaggio potrebbe iniziare visitando i musei e i luoghi chiave come Sheshi Skënderbej, dove potrai vedere la Moschea di Et’hem Bey (costruita tra il 1798 e il 1812) e la Kulla e Sahatit alta 35 m (Torre d'Orologio), costruita nel 1822 con una cupola in stile San Marco. Come capitale, Tirana ha i migliori musei, teatri e gallerie del paese che rappresentano le arti nazionali.

Una visita al Museo Nazionale di Storia, al Museo Archeologico, al Museo di Scienze Naturali, al Museo privato di Mezuraj e alla Galleria Nazionale delle Arti lasceranno ricordi meravigliosi. È anche possibile passare una piacevole serata al National Theatre o al Teatro dell’Opera e del Balletto. Per mangiare, Tirana offre sia una ricca cucina tradizionale e una varietà di tariffe straniere, dall’italiano al cinese o addirittura indiano. Ci sono anche diversi club e ristoranti sul Monte Dajti per scoprire e divertirsi. La montagna è raggiungibile con la funivia, che offre una fantastica vista della città. Nella regione di Tirana puoi anche visitare i castelli di Petrela e Preza, oltre ad alcune attrazioni naturali come la Grotta di Pëllumbas, Shkalla e Tujanit e altro ancora.

Storia di Tirana


Tirana è relativamente nuova. Sulejman Pashë Bargjini, un feudatario locale costruì il primo edificio nel 1614. Costruì una moschea, un hammam e una stufa, che all’epoca erano le principali istituzioni di una città appena nata, oggi nel luogo dove si trova il monumento allo Sconosciuto Stand di soldati. Nel 1816, la famiglia Toptani venne a governare la città. La data più importante della storia di Tirana è l’11 febbraio 1920, quando il Congresso di Lushnja dichiarò Tirana capitale provvisoria dell’Albania; status definitivo sarebbe stato dato nel 1925. In seguito a questo atto, la città ha registrato una crescita costante, che continua oggi e ha acquisito particolare impulso dal 1990.

Famosi architetti italiani hanno fatto del centro di Tirana il loro progetto durante le prime parti del XX secolo. Il viale principale di Tirana, Bulevardi Dëshmorët e Kombit, fu costruito nel 1930, mentre la piazza centrale, Piazza Skanderbeg, fu costruita tra il 1928 e il 1929. Nel 1968, nel 500 ° anniversario della sua morte, l’eroe nazionale Gjergj Kastriot Skanderbeg aveva un monumento inaugurato in Piazza Skanderbeg. Venti anni dopo, nella piazza fu aggiunto il monumento del dittatore Enver Hoxha. Poco dopo, il 20 febbraio 1991, gli studenti e le persone hanno rimosso il monumento dalla piazza. A Tirana, è possibile visitare una rete di musei e gallerie come il National History Museum, il Museo Archeologico, la National Art Gallery e molti altri, tra cui numerose gallerie private.

Vita notturna a Tirana

Tirana è indiscutibilmente il centro dinamico dell’Albania grazie in parte alla sua vivace vita notturna, composta da teatri, ristoranti e club. Ci sono una varietà di posti per intrattenerti e la maggior parte di loro rimane aperta tutta la notte. Bar e club possono essere trovati in tutta la città, in particolare nella zona “Bllok”, suonando tutti i tipi di musica dal vivo, tra cui jazz, house, funk, latino, ecc. Puoi scegliere di andare al pub irlandese di Murphy o ad un americano- barra di stile che suona musica hard rock. Tirana ospita l’Opera House, il National Theatre e molte altre gallerie e musei, che negli ultimi anni hanno ospitato molti artisti di fama mondiale. Tirana offre anche una vasta gamma di cocktail bar, dove è possibile gustare alcuni dei migliori cocktail ascoltando la musica dei migliori DJ. Regency Casino invita le persone a testare la fortuna del gioco d’azzardo.

LivingALBANIA   Italian Tour Operator
Address: Albania, Durres (Durazzo), Road Egnatia, District n.3info@livingalbania.comhttps://livingalbania.com/   https://www.livingalbania.it/https://www.facebook.com/livingalbaniatour/https://www.myvacationpages.com/details/livingalbaniaTel/Fax: AL +35552232825 Mob. AL +355693388904 Tel IT +390307778449


Allegati:

news


11/03/2020

Tour al Lago di Koman e a Theth

Un'esperienza unica nel Nord Albania.

11/03/2020

Natura e storia: alla scoperta di Theth e Scutari

Due giornate nel Nord tra la natura incontaminata e la cultura e la tradizione albanese.

10/03/2020

Hiking nei alpi albanesi

Hai mai pensato di poter scivolare attraverso ripidi canyon, facendo un'escursione nel cuore delle montagne dell’Albania?