I Pesticidi

I Pesticidi

Blog

27/09/2018 Release by ImpattoZero Srl

In Sintesi

Consigli importanti per frutta e verdura ricche di pesticidi.

La notizia

Cosa sono i pesticidi?
Con il termine "pesticida" si intende un insieme di sostanze chimiche che vengono utilizzate nelle coltivazioni al fine di distruggere o allontanare i parassiti, tenere lontane le erbe infestanti e numerose malattie. Secondo le stime ufficiali, quasi il 45% dei raccolti di tutto il mondo, vengono buttati a causa del deterioramento da parte di infestanti e insetti, ed è questa la ragione per cui tantissimi agricoltori investono così tanto sui pesticidi.

Quali ortaggi sono più attacabili?
Se stai mangiando del sedano non coltivato in maniera BIO, è possibile che tu stia mangiando anche una sessantina circa di pesticidi. Alcuni gruppi di ricerca indipendenti hanno analizzato numerosi ortaggi in diverse parti del mondo in cui si coltiva a livello industriale, per vedere quali contengano più sostanze tossiche: ad esempio, un singolo acino d’uva contiene circa 15 pesticidi, mentre una patata ha più pesticidi per peso di qualsiasi altro cibo. I singoli campioni di sedano, pomodorini, piselli importati e fragole, hanno mostrato circa 13 diversi pesticidi a testa. Quando si tratta di pesticidi, fungicidi ed altri prodotti chimici, tutte le colture ne sono colpite.

Mele
I pesticidi si aggrappano alla buccia della mela, e possono essere assorbiti nella polpa sottostante. Lavate la frutta a fondo, e se possibile togliete la buccia prima di mangiarla. 

Sedano
Una media di 64 sostanze chimiche difficili da lavare via può essere trovata in un qualsiasi mazzo di sedano e, considerando che il sedano è fondamentalmente una verdura composta da acqua... non è difficile trarne le debite conclusioni!

Peperoni dolci
Residui di circa 15 pesticidi differenti sono stati trovati in questi frutti, tra cui neonicotinoidi neurotossici, che danneggiano le colonie di api, così come le persone.

Fragole
Le fragole sono la coltura a più alta intensità chimica in Sud America, dal momento che le restrizioni sui pesticidi non sono così pesanti nei paesi in via di sviluppo. Alcuni coltivatori di colture biologiche scherzano sul fatto che le fragole coltivate possano essere macinate e usate come pesticidi loro stesse, dato il loro altissimo livello di contaminazione chimica!  

Cetrioli
Tra i circa 86 pesticidi trovati nei cetrioli vi erano: neurotossine, sospetti perturbatori ormonali, e probabili sostanze cancerogene. Di particolare interesse è il carbendazim, un fungicida che è considerato un probabile cancerogeno.

Nettarine
Questi frutti hanno una pelle molto sottile, ed è facile assorbire i pesticidi direttamente nella polpa.

Pesche
Se avete  visto un albero di pesco, probabilmente avrete anche notato una delle molte malattie o parassiti che affliggono questi alberi. Di qui l’elevato numero di pesticidi e fungicidi necessari per ottenere un alto rendimento di pesche da vendere sul mercato in buone condizioni.

Spinaci
Gli spinaci sono così inclini ai parassiti che gli agricoltori convenzionali devono ricoprirli di prodotti chimici (cancerogeni!) solo per tenere gli insetti lontani. Indovinate un po’ cosa viene assorbito in ogni foglia?

Lattuga
La lattuga non biologica e i cavoli sono contaminati con sostanze chimiche più di quanto si possa pensare. Se non è possibile avere una propria coltivazione di lattuga, si consiglia di acquistare quella biologica.

Pere
Come le mele, questi frutti vengono costantemente spruzzati da antiparassitari, per sbarazzarsi di acari, afidi, uova del lepidottero, e innumerevoli altre creature.

I pesticidi possono essere lavati via?
Non sempre: i test sui pesticidi sopra elencati, sono stati condotti  dopo che il cibo era stato lavato!!  Inoltre, anche se alcuni pesticidi si trovano sulla superficie degli alimenti, altri pesticidi possono essere stati assorbiti attraverso le radici o nella polpa e, pertanto, non possono essere rimossi.

Tutti i prodotti freschi, se sono stati cresciuti con o senza pesticidi, devono essere lavati con acqua per rimuovere lo sporco e i batteri potenzialmente dannosi. E gli esperti di salute concordano sul fatto che, quando si tratta degli alimenti sopra elencati, è molto meglio scegliere cibo coltivato secondo natura e senza l'uso di prodotti tossici. Il nostro consiglio è sempre quello di trovare il modo di coltivare un piccolo orto, che sia in vaso, in aiuola o in piena terra... magari in giardino.

Fonte: www.ilcalendariodellorto.com


Allegati:

ImpattoZero srl news


10/04/2019

Zafferano in Acquaponica

GrowBed, la soluzione Acquaponica per la coltivazione dello zafferano.

02/01/2019

Il pesce di mare può estinguersi al più presto nel 2048

Gli ecosistemi marittimi registrano una perdita di specie e popolazioni sempre più veloce. La priorità, ora, è impedirne l'irreversibilità.

04/12/2018

Fao: “Il modello della rivoluzione verde è esaurito, è ora dell’agroecologia”

Secondo l'ONU il modello di produzione alimentare nato nel secondo dopoguerra non è più sostenibile. L'agroecologia come modello benefico.