A Dubai solo PM certificati

A Dubai solo PM certificati

manager

01/06/2017 Release by ESPM

In Sintesi

Roberto Villa, docente ESPM spiega come la certificazione sia un dovere per ogni Project Manager

La notizia

<div style=’text-align:justify’><span style="font-size: 16pt; color: #00A0FF;" data-mce-style="font-size: 14pt; color: #808080;">
A DUBAI SOLO PM CERTIFICATI
</div>
<div style=’text-align:justify’><span style="font-size: 12pt;" data-mce-style="font-size: 14pt; color: #808080;">

La certificazione PMP è il più alto riconoscimento nel mondo del Project Management e finora attesta oltre 500.000 professionisti a livello mondiale.
Per ottenerla sono necessarie una buona dose di esperienza e una formazione specifica secondo le modalità definite dal PMI.
Secondo il docente ESPM Roberto Villa, l’attestato dimostra la propria competenza e soprattutto permette a ogni project manager di parlare un linguaggio comune durante i processi del mercato del lavoro.
Ovviamente la certificazione non è in grado di assicurare la bravura e l’efficienza di un project manager ma ne garantisce una preparazione univoca a livello mondiale: ‘in alcuni paesi, come Dubai, c’è una forte richiesta di Project Manager certificati PMP nella costruzione di infrastrutture che implicano progettisti di provenienza internazionale. In casi come questi, è necessaria una figura formata per dirigere i lavori’.
Secondo Villa infine, ottenere la certificazione è un traguardo che ogni PM dovrebbe impegnarsi a raggiungere per una più mirata crescita professionale: ‘è impegnativo, soprattutto per coloro che hanno lasciato da tempo i banchi di scuola, ma permette di rientrare in una cerchia riconosciuta di professionisti e rilanciare di conseguenza il proprio lavoro e la propria preparazione’.


</div>
<div class="video" align="center"><iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/zi0XECUHmVs" frameborder="0" allowfullscreen></iframe></div>


Allegati:

European School of Project Management news


22/09/2017

Tre considerazioni sul lavoro in remoto

Pro e contro del lavoro in remoto; come sfruttarlo e cosa fare per evitare passi falsi

15/09/2017

Il team di progetto spiegato in 5 punti

Ecco le linee guida di Tuckman e Jensen per creare un ambiente fiduciario e produttivo all'interno del team di progetto

08/09/2017

Non solo welfare - Tre punti per migliorare l’employee engagement

Le strategie migliori per implementare l'employee engagement passano attraverso tre fattori: autonomia, correlazione e competenza.