Project Manager: perchè certificarsi?

Project Manager: perchè certificarsi?

manager

04/05/2017 Release by ESPM

In Sintesi

Cos'è la figura del Project Manager?Perchè è importante certificarsi? Il docente Roberto Villa, afferma che "Il Project Manager è buonsenso"

La notizia

<div style=’text-align:justify’><span style="font-size: 12pt;" data-mce-style="font-size: 14pt; color: #808080;">
Non si diventa Project Manager per caso: ci sono fondamentali percorsi formativi che vanno svolti per raggiungere la qualifica.
Una di queste è la certificazione PMP, la credenziale più riconosciuta e apprezzata nel mondo dei Project Manager.
Un docente certificato PMP è Roberto Villa, che ha spiegato a ESPM l’importanza della qualifica in questa disciplina.
«Ci sono approcci introduttivi – ha spiegato Villa - che pongono le basi della disciplina che un tempo si andava formando e approcci formativi più approfonditi, che dettagliano quelle che sono le situazioni più intricate.
È chiaro che se si intraprende un percorso e si ha la possibilità di sostenere un esame, verificare il proprio apprendimento e ottenere un titolo, questo può diventare un incentivo maggiore. E' quindi importante abbinare ad una formazione anche una certificazione».
Project Manager non ci si può improvvisare ed in merito sono stati creati corsi che aiutano ad identificare meglio la qualifica.
Il dottor Villa ha fatto una breve delucidazione in proposito:  «Il Project Management è buonsenso. Ci sono corsi sperimentali fondati su giochi e laboratori che portano l’alunno ad aver la possibilità di affrontare un progetto con gli strumenti adatti e a rispondere ai bisogni. In Italia ci sono scorsi di specializzazione che permettono di ottenere certificazioni con validità internazionale».
Stiamo quindi parlando di una disciplina europea e internazionale, che dà certificazioni spendibili fuori dai confini nazionali.
«La certificazione internazionale – ha chiarito Villa - consente di parlare la stessa lingua di altri nel mondo, sia da un punto di vista di glossario, sia da un punto di vista di processi e di approccio. Chi ha il certificato non è automaticamente un buon Project Manager, ma si dà per scontato che se l’ha ottenuto, qualcuno  ha riconosciuto delle capacità».
Diventa quindi non obbligatorio, ma quasi essenziale, partecipare a corsi formativi per Project Manager che diano gli strumenti per ottenere una certificazione spendibile su vari fronti.

Certificazioni, come quella PMP, sono ottimi biglietti da visita per chi lavora nell’ambito del Project Management.

</span></div>
<div align="center">
<iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/zi0XECUHmVs" frameborder="0" allowfullscreen></iframe>


Allegati:

European School of Project Management news


22/09/2017

Tre considerazioni sul lavoro in remoto

Pro e contro del lavoro in remoto; come sfruttarlo e cosa fare per evitare passi falsi

15/09/2017

Il team di progetto spiegato in 5 punti

Ecco le linee guida di Tuckman e Jensen per creare un ambiente fiduciario e produttivo all'interno del team di progetto

08/09/2017

Non solo welfare - Tre punti per migliorare l’employee engagement

Le strategie migliori per implementare l'employee engagement passano attraverso tre fattori: autonomia, correlazione e competenza.