Figura del Project manager in base alla legge 4 del 2013

Figura del Project manager in base alla legge 4 del 2013

manager

19/04/2017 Release by ESPM

In Sintesi

#ProjectManager chi lo è e chi no? La parola all'esperto #AngeloFreni

La notizia

<div style=’text-align:justify’><span style="font-size: 12pt;" data-mce-style="font-size: 14pt; color: #808080;">
Chi stabilisce chi sia o meno un Project manager?
Ora non ci si potrà più improvvisare, ma ci si potrà fregiare di un titolo solo in presenza di una chiara certificazione. La figura non regolamentata del project manager grazie alla legge 4 del 2013 ha trovato un sua vera definizione.

La nuova legge definisce "professione non organizzata in ordini o collegi l'attività economica, anche organizzata, volta alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi, esercitata abitualmente e prevalentemente mediante lavoro intellettuale, o comunque con il concorso di questo, con esclusione delle attività riservate per legge a soggetti iscritti in appositi albi,  delle professioni sanitarie e delle attività e dei mestieri artigianali, commerciali e di pubblico esercizio disciplinati da specifiche normative".

Chi  svolge una di queste professioni avrà quindi l’obbligo di fare espresso riferimento alla legge 4 su tutti i documenti che rilascia ai suoi clienti, per contraddistinguere la propria attività.
L'inadempimento rientra tra le pratiche commerciali scorrette tra professionisti e consumatori. Lo scopo principale difatti non è favorire nuove famiglie di professionisti, ma tutelare il cliente o il consumatore da categorie di professionisti troppo disinvolti.

La legge 4 sulle professioni ha stabilito anche per la figura del Project manager una regolamentazione. A spiegarci chi è e chi non è Project manager, è stato l’Ingegner Angelo Freni.
«La legge 4 del 2013 – ha spiegato Freni - obbliga il Project manager a identificare quando si firma a indicare la sua professione come disciplinata dalla stessa legge. Attraverso il sistema di autoregolamentazione volontaria attuata attraverso la norma UNI 11648 emessa lo scorso anno ha definito capacità e competenze del Project manager. Questo consente di poter attuare la certificazione di conformità attraverso una norma che stabilisce i requisiti».

La norma UNI 11648 definisce i requisiti relativi all’attività professionale del Project manager e di equivalenti figure che gestiscono progetti in conformità con la UNI ISO 21500.
Una norma che fa chiarezza e che impedisce di imbattersi in Project manager improvvisati.

</span></div><div align="center">
<iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/M34HX3YjJUg" frameborder="0" allowfullscreen></iframe>


Allegati:

European School of Project Management news


22/09/2017

Tre considerazioni sul lavoro in remoto

Pro e contro del lavoro in remoto; come sfruttarlo e cosa fare per evitare passi falsi

15/09/2017

Il team di progetto spiegato in 5 punti

Ecco le linee guida di Tuckman e Jensen per creare un ambiente fiduciario e produttivo all'interno del team di progetto

08/09/2017

Non solo welfare - Tre punti per migliorare l’employee engagement

Le strategie migliori per implementare l'employee engagement passano attraverso tre fattori: autonomia, correlazione e competenza.