Il successo è solo frutto di predisposizione innata?

Il successo è solo frutto di predisposizione innata?

manager

01/02/2017 Release by espm

In Sintesi

Secondo Richard St. John, il successo non è solo frutto di predisposizione innata, ma può essere ottenuto seguendo precisi comportamenti.

La notizia


                                                           Smiley face


Il successo è solo frutto di predisposizione innata?

Secondo Richard St. John, il successo non è solo frutto di predisposizione innata, ma può essere ottenuto seguendo in maniera mirata precisi comportamenti.

Vediamo quali sono
Per raggiungere la vetta del successo, stando alle parole di Richard St. John, è sufficiente seguire 8 principi fondamentali.

LA PASSIONE. ( fare il proprio lavoro per passione, non per denaro )
DIVERTIMENTO (Nulla é semplice. Ma ci si può divertire un mondo )
QUALITA (Per avere successo, metti il naso in qualcosa e diventa bravissimo a farla )
SELEZIONE ( questione di concentrarsi su una cosa sola )
SFORZO  (Avevo sempre dubbi. Di non essere abbastanza brava, intelligente, paura di fallire)
SERVIZIO  (Devi dare agli altri qualcosa di valore. )  
IDEE (Ho avuto un'idea: fondare la prima azienda )
TENACIA (La tenacia é la principale ragione del nostro successo )

Questi semplici, quanto complessi, ingredienti segreti svelati da Richard sono approfonditi all’interno del suo best seller“The 8 Traits Successful People Have in Common: 8 To Be Great”. Un testo must have sia per tutti i professionisti che aspirano alla leadership, che per chi qualche vetta l’ha già scalata: Bill Gates, Jeff Skoll e il regista James Cameron sono solo alcuni dei nomi prestigiosi che hanno rilasciato dichiarazioni entusiaste sulla pubblicazione di Richard St. John.

Il successo, quindi, si può ottenere “a tavolino”?
Lavorando duramente su sé stessi?
A risposta è si !
Richard St. John ha scardinato la teoria del “leader si nasce, non si diventa!”, snocciolando, una a una, le caratteristiche del leader di successo.
1.    Trasmettere positività
Per essere eletto capitano di una squadra vincente siate voi stessi il motore dell’ottimismo, condividendo la vostra visione e trasmettendo in maniera concreta la vostra passione.
2.    Essere ispiratore
Per essere riconosciuti non solo come manager, ma anche come leader, è importantissimo riuscire a ispirare le persone e convincerle all’azione.
3.    Essere aggiornati
Proseguire l’apprendimento non è solo un bene per voi e per le vostre competenze, ma anche uno stimolo per il vostro team che per spirito di emulazione continuerà ad aggiornarsi. Dare il buon esempio paga!
4.    Essere presenti e trasmettere fiducia
Per guadagnarsi sul campo la palma di leader è necessario giocare al fianco del proprio team, essere presenti quando è necessario e trasmettere loro tutta la fiducia per dare il massimo, anche nei momenti di maggiore difficoltà.
5.    Conoscere la propria organizzazione
Un vero leader deve essere immerso all’interno dell’organizzazione in cui opera e agisce. Conoscere la visione strategica a cui mira l’impresa, permetterà di strutturare il lavoro del team verso una giusta direzione.
6.       Essere emozionali
Un vostro coinvolgimento emotivo, sempre commisurato alle situazioni, farà comprendere al team la passione professionale che, in ogni istante del percorso lavorativo, è necessario mettere in campo per ottenere il massimo.


Allegati:

European School of Project Management news


22/09/2017

Tre considerazioni sul lavoro in remoto

Pro e contro del lavoro in remoto; come sfruttarlo e cosa fare per evitare passi falsi

15/09/2017

Il team di progetto spiegato in 5 punti

Ecco le linee guida di Tuckman e Jensen per creare un ambiente fiduciario e produttivo all'interno del team di progetto

08/09/2017

Non solo welfare - Tre punti per migliorare l’employee engagement

Le strategie migliori per implementare l'employee engagement passano attraverso tre fattori: autonomia, correlazione e competenza.